close menu
menu

Cos’è CHIMERA?

Sfida

CHIMERA rivoluziona il processo di smaltimento della pollina, ovvero il letame derivante dall’allevamento avicolo. Tale sostanza richiede delle opportune pratiche di gestione per poter ottimizzare al meglio il suo potere nutritivo e, al contempo, ridurne l’impatto ambientale.

A oggi, la pollina viene alternativamente conferita a impianti di termovalorizzazione o smaltita direttamente in campo, con conseguenti costi per l’allevatore relativi allo stoccaggio, al trasporto, allo smaltimento e/o allo spargimento.

CHIMERA risolve tutti i problemi di gestione dello scarto. E’ una soluzione “chiavi in mano” e facile da usare, un impianto di dimensioni ridotte e da installare in loco, adatto a piccoli allevamenti o distretti per la produzione di carne (broiler) o di uova (ovaiole).

L’ambizione di CHIMERA è quella di trasformare un rifiuto in un fertilizzante, producendo anche energia. Un ritorno quindi al passato, in cui (parafrasando un celebre cantautore italiano), “dal letame nascono fiori”, ma anche un’innovazione che investe sul futuro dell’energia.

Questo progetto diventa realtà grazie al finanziamento europeo del programma LIFE per l’ambiente, GA n. LIFE15 ENV/IT/000631 e dalla collaborazione tra Tre P Engineering Srl, società di ingegneria italiana e coordinatore del progetto, e Renders&Renders V.O.F., allevatore olandese.

INQUINAMENTO ARIA

La pollina è un agente inquinante e il suo smaltimento causa ogni anno 25 milioni di tonnellate di emissioni di gas serra nell’Unione europea, che corrispondono alle emissioni di 15,4 milioni di veicoli passeggeri o alla produzione annuale di 19 centrali elettriche a carbone.

INQUINAMENTO ACQUA/SUOLO

Per quanto riguarda i metalli pesanti, la pollina contribuisce a rilasciare nell’ambiente 10.000 tonnellate di rame, 700 tonnellate di piombo e 57.000 tonnellate di zinco all’anno nell’Ue.

EMISSIONI ODORIGINE

Gli odori derivanti dalla pollina durante il trasporto e/o lo spandimento disturbano la popolazione che vive nei dintorni.

CHIMERA diminuisce l’

Inquinamento

La pollina è un agente inquinante e rappresenta un elemento di disagio negli allevamenti perché deve essere stoccata, con conseguenti problemi di tipo igienico e legati agli odori. Deve essere poi trasportata e conferita generalmente presso le centrali di termovalorizzazione, che la trasformano in rifiuto speciale, generando nel processo fumi inquinanti. Solo una piccola parte può essere cosparsa sui suoli, in quanto ne altera l’equilibrio. CHIMERA elimina interamente le fasi di stoccaggio e trasporto con l’istallazione di un impianto di piccola taglia, che può funzionare a ciclo continuo presso l’allevamento.

CHIMERA favorisce il

Riciclo

CHIMERA è un impianto che trasforma la pollina in fertilizzante. Il focus tecnologico è nel bruciatore, che permette un trattamento dei fumi più efficiente. Il sottoprodotto della combustione è costituito dalle ceneri che sono già di fatto fertilizzante con performance e costi competitivi rispetto a quelli già in mercato. Il ciclo viene così chiuso e dalla natura – pollina - si torna alla natura – concime per i campi di cereali, che sono a loro volta alla base della produzione di mangimi. Il fertilizzante potrebbe rappresentare una nuova opportunità di business per gli allevatori stessi.

CHIMERA produce

Energia

Il calore generato durante il processo di trasformazione può essere utilizzato per produrre energia termica ed elettrica che rendono di fatto l’allevamento autosufficiente. Il calore è utile a scaldare o raffrescare gli allevamenti e, attraverso un co-generatore, l’energia termica può essere trasformata in elettrica per l’illuminazione e il funzionamento dei macchinari. CHIMERA è dunque un impianto sostenibile e produce energia pulita.

DA POLLINA A FERTILIZZANTE

Da 10 kg di pollina in input, si ottiene 1 kg di fertilizzante in output grazie a CHIMERA.

PRODUZIONE DI ENERGIA

Il calore prodotto viene trasformato in energia termica ed elettrica che rendono l’allevamento autosufficiente.

ZERO EMISSIONI

L’efficienza nel trattamento dei fumi riduce a zero le emissioni di gas serra.

ZERO ODORI

L’impianto CHIMERA elimina le emissioni odorigene a beneficio della popolazione che vive nelle zone adiacenti.

Come funziona CHIMERA?

Processo

CHIMERA è un impianto di smaltimento di piccola taglia (7,5 di lunghezza per 2,5 m di larghezza per 3,5 di altezza) che funziona a ciclo continuo. Negli allevamenti di ovaiole, ove la produzione di pollina è continua, la gestione è immediata: la pollina viene prodotta e tramite un nastro trasportatore portata nell’impianto di termovalorizzazione. Negli allevamenti di broiler, deve essere gestita una quantità minima di stoccaggio in quanto la produzione è discontinua.

L’innovazione tecnologica presente nel bruciatore permette un trattamento dei fumi più efficiente e di combinare le sostanze organiche dei fumi con quelle inorganiche delle ceneri.

Al termine della termovalorizzazione, si ottiene un sottoprodotto costituito dalle ceneri che, assieme ai fumi, passano attraverso due scrubber ad acqua in serie prendendo la forma di fanghi.
Successivamente, i fanghi passano in una centrifuga che separa la parte liquida, acqua, da quella solida, concime pronto per il packaging. Il concime è un fertilizzante con percentuali di azoto, fosforo e potassio utili per la coltivazione di piante utilizzate per la produzione di mangimi, in particolare grano e mais.

Fatta 10 la quantità di pollina inserita nell’impianto, le quantità di fertilizzanti saranno pari a 1, con un risparmio notevole anche in termini di volumi.

Il calore prodotto durante la combustione viene trasportato attraverso appositi tubi nei capannoni adibiti ad allevamento e, in parte, trasformato in energia elettrica utile a far funzionare gli impianti.

Ultimo ma non meno importante, l’acqua ottenuta dal trattamento della pollina, che è una sostanza estremamente umida, viene completamente riutilizzata per idratare le ceneri e abbattere le emissioni inquinanti contenute nei fumi.

I primi due prototipi saranno realizzati in Italia nelle Marche, mentre l’impianto pilota nella sede di Renders&Renders, nella regione del Noord-Brabant, in Olanda.

Chi fa cosa?

Team

La Tre P Engineering, società di ingegneria con sede a Chiaravalle, nelle Marche, lavora nei settori dell’elettrodomestico e delle rinnovabili e una delle sue expertise chiave è nel processo di combustione. Nel 2010 un allevatore chiede loro di sviluppare un combustore per gas metano. Per la prima volta la Tre P entra in contatto con le questioni relative allo smaltimento della pollina e, dopo una fase di studio, nel 2015 l’azienda decide di presentare un progetto a valere su un bando LIFE; ecco come comincia CHIMERA!

Per la fase di validazione della tecnologia è necessario coinvolgere un allevatore, che metta a disposizione know-how, spazi e pollina per l’istallazione dell’impianto in scala reale. Da qui l’accordo con Renders&Renders, un allevamento di polli broiler in Olanda, con oltre 200.000 capi in uno spazio di 8.100 metri quadrati.

Michele
Marcantoni

Dottore in ingegneria meccanica

Ingegnere meccanico e Ph.D, è autore di numerose pubblicazioni, vincitore di molteplici borse di studio e concorsi, con plurime esperienze di ricerca e ingegneria anche in ambito internazionale, tra le quali all’HMI “Hahn Meitner Institute” di Berlino, in Germania, e presso il “Laboratoire Léon Brillouin” di Saclay in Francia. Nel 2002 ha conquistato il primo posto nella Business Competition E-Capital e ha fondato 3P Engineering, di cui oggi è Presidente del Consiglio di Amministrazione e co-amministratore delegato insieme a Rosalino Usci. Per CHIMERA, Michele Marcantoni è responsabile del coordinamento del progetto, con supervisione di tutte le attività.

Rosalino
Usci

Dottore in ingegneria meccanica

Ingegnere Meccanico e Ph.D, ha ricoperto ruoli manageriali nel settore R&D di aziende leader di mercato. Dal 2008 è co-amministratore delegato di 3P Engineering, affiancando Michele Marcantoni nella gestione dell’azienda in ogni aspetto operativo e strategico. Grazie alle sue conoscenze di termofluidodinamica applicata alla progettazione di macchinari, simulazioni numeriche CFD/FEM e disegno meccanico, è artefice di diversi brevetti registrati da 3P Engineering. Per CHIMERA, Rosalino Usci è Responsabile delle attività di Dissemination e EUAB (External User Advisory Board), fornendo anche uno strategico contributo tecnico per lo sviluppo del progetto.

Jack & Mark
Renders

Proprietari di un allevamento avicolo

Titolari dell’ omonima azienda avicola situata nella regione del Nord-Brabant in Olanda, i fratelli Jack e Mark Renders sono partner del progetto europeo CHIMERA. Pionieri nello sperimentare nuove tecnologie in grado di migliorare la gestione aziendale, i fratelli Renders ospiteranno presso il loro allevamento avicolo, l’impianto pilota sviluppato da 3P Engineering. Per un anno Jack e Mark Renders testeranno il funzionamento a ciclo continuo di CHIMERA, sia per la produzione di fertilizzante che sarà ricavato dalla pollina, sia per l’energia termica ed elettrica che sarà prodotta secondo il paradigma dell’economia circolare.

External users

Advisory Board

CHIMERA è un progetto di sviluppo che, come tale, ha bisogno sia di essere validato dal punto di vista tecnologico sia, allo stesso tempo, di rispondere il più possibile alle esigenze del mercato. A questo scopo l’External Users Advisory Board (EUAB) è un organo all’interno del quale siedono tutti i possibili stakeholder interessati al progetto: istituzioni, centri di ricerca, allevatori, produttori di impianti… Per diffondere al meglio le potenzialità della tecnologia generata e creare partecipazione in attività di monitoraggio e di networking rispetto all’avanzamento del progetto.
I membri sono costantemente aggiornati, partecipano a workshop, visitano i prototipi e l’impianto pilota in Olanda. I loro feedback sono fondamentali per aggiustare il tiro in corso d’opera e garantire che il progetto possa avere sviluppi anche in altri ambiti e settori. Il concept di CHIMERA, infatti, può essere trasferito ad altri contesti di gestione del ciclo di rifiuti organici/biomasse ed è per questo che, nella fase finale del progetto, verrà effettuato uno studio sulla replicabilità dei risultati.

SE SEI INTERESSATO AL PROGETTO CHIMERA, RISPONDI AL NOSTRO QUESTIONARIO CLICCANDO QUI.
GRAZIE!

Azienda Agricola Puopolo

Giuseppe Melino

Allevatore

LIFE BIOAs

Flavia Forte

Eco Recycling Process Engineer

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TORINO

MASSIMO PUGLIESE

Ph.D. - PROFESSORE ASSOCIATO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

GIORGIO PROVOLO

PROFESSORE ORDINARIO - DIPARTIMENTO DELLE SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI

ASTRA Innovazione e Sviluppo

Nicola Minerva

Direttore

AGRITER - Dottori Agronomi Associati

Giambattista Merigo

Dottore Agronomo

Horta

Valentina Manstretta

R&D

New Business Media

Paola Cutillo

New Business Media

Sara Vitali

Agri Vivai

Stefano Lucchetti

Coordinatore Tecnico

Università degli Studi di Napoli Federico II

Riccardo Spaccini

Professore di Chimica Agraria

Pasifika Group

Franco Brambilla

Senior Advisor

ENEA

Alice Dall’Ara

Ricercatore Laboratorio Tecnologie dei Materiali (Faenza)

Regione Marche

Alberto Orsi

Funzionario - Area Ambiente

LIFE Ammonia Trapping

Cristian Pascual

Communication Manager

FOMET SPA

Matteo Casella

Plant Manager

FOMET SPA

Alberto Modena

R&D – Laboratory FometL@b

Università Politecnica delle Marche

Giuseppe Toscano

Professore associato

SEA Ambiente

Sara Fabrizi

R&D

ENEA

Laura Cutaia

Responsabile Dipartimento Sostenibilità dei Sistemi Produttivi

Sogis SRL

Susanna La Rocca

Direttore tecnico

Libera Associazione Agricoltori Cremonesi

Giuseppe Uberti

Agronomo

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Giampaolo Peccolo

Professore associato, Dip. Scienze mediche e veterinarie

Arvan Srl

Pier Luigi Graziano

Presidente

Monaldi Aurelio Srl

Gaetano Sirocchi

Responsabile contrattualistica allevamenti

Università degli Studi di Milano

Valentina Orzi

PhD, Dip. di Scienze agrarie e ambientali

Fileni Simar

Maurizio Riginelli

Responsabile contrattualistica allevamenti

Seguici!

News

Per essere aggiornato sull’avanzamento del progetto CHIMERA, qui trovi notizie, video, foto relativi all’assemblaggio dei prototipi e dell’impianto pilota, oltre che alla partecipazione del team a eventi, fiere, conferenze… e molto altro ancora!

News Archive

IMPIANTO PILOTA: NOVITA’ DI PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE

Proseguono le attività di CHIMERA con la progettazione del PILOT PLANT che sarà installato presso il partner Renders & Renders, nella regione del Noord-Brabant, in Olanda. E’ stato completato il design dell’impianto pilota e definita la progettazione di cogeneratore a turbina con l’acquisto del componente ORC; è terminata anche la progettazione dello scrubber a due fasi
Read More

TEAM CHIMERA AL CONVEGNO FINALE DI LIFE ARIMEDA

Il team CHIMERA ha partecipato al convegno finale del progetto LIFE ARIMEDA “Riduzione delle emissioni di ammoniaca nell’agricoltura mediterranea attraverso tecniche innovative di fertirrigazione con liquami”, che si è svolto giovedì 18 marzo 2021.Nel corso del convegno sono state illustrate le tecniche di fertirrigazione con liquame e digestato sperimentate e i risultati ottenuti; al termine degli
Read More

LIFE POREM: INNOVAZIONE ATTRAVERSO BIORISANAMENTO

Similmente a LIFE CHIMERA, il progetto LIFE POREM (Project LIFE17 ENV/IT/333), è focalizzato sul letame del pollame, ma prevede un bioattivatore a base di questo rifiuto organico, per una migliore gestione del suolo attraverso il biorisanamento. Coordinato da ASTRA Innovazione e Sviluppo – Agenzia per la Sperimentazione Tecnologica e la Ricerca Agroambientale (con partner Gruppo
Read More

LIFE BIOAS: NETWORKING CON CHIMERA

Continua l’attività di networking di CHIMERA con altri progetti LIFE, come Life BIOAs (LIFE19 ENV/IT/000512) un progetto cofinanziato nell’ambito del programma LIFE+ che mira a dimostrare la fattibilità ambientale ed economica di un processo per la produzione di un innovativo bio-adsorbente a partire dalla sansa delle olive e, contemporaneamente, il suo utilizzo per la purificazione di acqua
Read More

LIFE NETWORKING: IL PROGETTO ARIMEDA

Nell’ambito dell’attività di networking tra progetti europei, il team CHIMERA è entrato in contatto con ARIMEDA, un progetto integrato nel programma LIFE, coordinato dall’Aragon Agrifood Research and Technology Center (CITA), orientato a ottenere una significativa riduzione della volatilizzazione dell’ammoniaca quando il liquame viene applicato in campi coltivati come fertilizzante organico. Obiettivo principale del progetto, dimostrare
Read More

EUAB NEWS

Nuovo membro nell’External Users Advisory Board (EUAB) di CHIMERA “CHIMERA – CHIckens Manure Exploitation and RevAluation”: il Professor Giorgio Mario Provolo, ordinario dell’Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali – Produzione, Territorio, Agroenergia – è entrato a far parte  dell’EUAB di CHIMERA, il comitato consultivo a cui partecipano gli stakeholder interessati
Read More

Per più info

Contatti

Il tuo messaggio sarà letto in 24 ore. Se vuoi diventare membro del External Users Advisory Board, non esitare a contattarci!